La scuola in diretta

Meno teoria e più pratica per una scuola piacevole PDF Stampa E-mail
Scritto da Angelo Menzione - Vincenzo Pecchia   
Mercoledì 25 Gennaio 2012 14:40

Secondo una legge prevista dallo Stato i ragazzi italiani debbono andare a scuola fino a 16 anni. Noi della Marco Polo non viviamo come un obbligo andare a scuola perché sappiamo che ci insegnano cose che ci serviranno per la vita.

Presso la Marco Polo si svolgono molti corsi P.O.N. e varie attività extracurriculari; amiamo quasi tutte le materie. La disciplina preferita è l’educazione fisica, perché prevede poca teoria e molta pratica. La nostra fortuna è stata quella di avere assegnato un professore bravissimo che da subito ci ha insegnato educazione e rispetto per le regole e ci ha fatto divertire molto.


 

Lo sport è molto importante perché ci aiuta a socializzare con gli amici, ci insegna a rispettare le regole non solo del gioco ma anche della vita quotidiana.

Attualmente durante le due ore settimanali di educazione fisica svolgiamo due sole attività: ping-pong e palla a tamburello. In inverno poi possiamo praticare solo il ping-pong, servendoci di tavoli posizionati in un’aula stretta.

In realtà la scuola è dotata di una palestra, ma la stessa, anche se costruita già da diverso tempo, non è stata ancora consegnata a noi alunni poiché dei vandali l’hanno incendiata già due volte.

Noi ci auguriamo che i lavori per ristrutturarla riprendano al più presto e che entro l’estate ci venga data la possibilità di usufruirne in modo da praticare anche altri sport. Sogniamo anche di partecipare a tornei tra scuole, perché crediamo che interagire con alunni degli altri istituti ci aiuti a fare nuove e sempre più importanti esperienze e ad allargare il nostro cerchio di conoscenze ed amicizie.

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 12 Marzo 2012 15:20
 

Ultimi video